Contenuto riservato agli abbonati

Modena e Carpi. Arriva l’estate di Mundus Immersi nella Musica che non ha più confini

Presentato il programma che prevede concerti dal vivo in tutta la regione Numerosi gli appuntamenti nel Modenese tra cui Nada, Avitabile, Shorty

MODENA. Ritorna Mundus, la musica senza confini. La 26esima edizione del festival, a cura di Ater Fondazione, dal 15 giugno al 4 agosto, animerà l'estate e tanti luoghi situati tra le province di Modena e Reggio Emilia con artisti e spettacoli di spessore.

L’edizione 2021 prevede 23 appuntamenti e 100 artisti in scena nelle piazze, nei cortili e nei chiostri di Modena, Carpi, Reggio Emilia, Casalgrande, Correggio e Scandiano, in collaborazione con la Regione Emilia-Romagna e le amministrazioni comunali.


Anche quest’anno Mundus offre una proposta artistica di ampio raggio, superando i confini tra i generi: dal jazz nostrano e internazionale al pop, dalla musica popolare alla canzone d’autore, proponendo in cartellone diverse novità artistiche, come, ad esempio, il primo disco da solista di Rachele Bastreghi, “Psychodonna”, e i nuovi progetti dei grandi protagonisti del jazz italiano: Cristina Donà anticiperà alcuni brani del nuovo disco; Peppe Servillo con il Pathos ensemble sarà protagonista di un concerto-reading su “Il carnevale degli animali”; Danilo Rea presenterà il suo ultimo progetto dedicato ai poeti della canzone italiana. E ancora, musicisti, cantanti, compositori della scena contemporanea italiana riuniti in formazioni. Tra i nomi internazionali brilla Dominic Miller, storico chitarrista di Sting e il pianista David Helbock, giovane star del jazz europeo. Ci sarà Nada che, in duo con il chitarrista Andrea Mucciarelli. Infine, ospite atteso è il giovane e talentuoso rapper e cantautore Davide Shorty. La 26° edizione di Mundus prende il via, a Modena, presso il Giardino del Circolo Arci Vibra ribattezzato #Zonalibera, dove, in collaborazione con Circolo Culturale Left-Vibra si terranno cinque concerti. Si inizia il 19 giugno con l’originalissimo Istituto Italiano di Cumbia; il collettivo guidato da Davide Toffolo (Tre Allegri Ragazzi Morti), con una formazione “All Stars” è pronto a far muovere il pubblico sul tempo tipico della cumbia, genere musicale che arriva dal Sud America. La programmazione in #Zonalibera continua il 2 luglio con la cantante Nada che, in duo con il chitarrista Andrea Mucciarelli, si esibirà partendo dai brani storici fino alle canzoni di oggi, in cui oltre ad essere interprete, Nada è anche autrice. Il terzo appuntamento è per l’8 luglio, quando la scena alternativa italiana incontra la storia della musica mondiale con i London 69 in "Performing The Beatles - All good children go to heaven". Un tributo a uno dei capitoli più alti della discografia dei Beatles, Abbey Road, eseguito integralmente da una vera “All stars” band formata da: Roberto Dellera, Sebastiano Forte, Rachele Bastreghi, Andrea “Fish” Pesce, Lino Gitto e Roberto Angelini, che passeranno in rassegna anche altri famosi brani delle rispettive carriere soliste de “i quattro di Liverpool”. Si prosegue il 16 luglio con Giorgio Canali e Pierfrancesco Pacoda in “Street Hassle. Il punk, New York e Lou Reed”, un originale omaggio a Lou Reed in stile punk tra racconto e musica. La rassegna si chiude il 23 luglio con il pluripremiato all’ultima edizione del Festival di Sanremo: Davide Shorty, rapper che unisce talento e innovazione, voce soul e sonorità jazz e rap, che presenterà il suo nuovo disco “Fusion” accompagnato dalla Straniero Band. Due i concerti di Mundus anche a Carpi, in Piazza Martiri. Il 30 giugno, Rachele Bastreghi, cantante, compositrice, musicista ed anima femminile dei Baustelle, presenterà il suo primo atteso album da solista, “Psychodonna”. Il 21 luglio sarà Invece il momento dell’artista italiano considerato simbolo della contaminazione tra generi, Enzo Avitabile con i Bottari di Portico & Black Tarantella Band. Vendita biglietti online su www.vivaticket.com e presso le biglietterie in loco la sera dello spettacolo. —