Contenuto riservato agli abbonati

Modena. Tornano gli Ologramma: musica e parole su Dante e Twin Towers

Sabato a Modena nel Cortile d’Onore di Palazzo Ducale si terrà "... a riveder le stelle", il concerto dei ragazzi con disabilità, musicisti e musicoterapeuti 

MODENA. Si intitola “…a riveder le stelle” il concerto tra musica e parole che Ologramma, gruppo vocale e strumentale composto da ragazzi con disabilità, musicisti e musicoterapeuti, terrà sabato, nel Cortile d’onore di Palazzo ducale alle 20.30. Il concerto, che fin dal titolo si ispira a Dante per i 700 anni dalla morte, avrà però una parte dedicata al ventesimo anniversario dell’attentato alle Twin Towers di New York.

L’attacco, che provocò migliaia di vittime negli Usa, che già nella mattinata sarà commemorato con la cerimonia in piazza Manzoni alla presenza del sindaco Gian Carlo Muzzarelli e della console statunitense Ragini Gupta.

"Una commemorazione quella dell'11 settembre che serve per fare memoria di quanto accaduto - ha detto il sindaco Muzzarelli - ma che ci riporta al presente, in particolare alla situazione dell'Afghanistan, ritrovandoci insieme, in comunità, attorno a questo gruppo che invece è portatore di principi importanti tra cui l' inclusione".

Ologramma è infatti un gruppo vocale e strumentale nato nel 2010 e composto da una quarantina di elementi, tra i quali ragazzi con disabilità, musicisti e musicoterapeuti, che nel corso degli anni si è esibito in molte manifestazioni sotto la direzione di Roberta Frison.

"Il concerto “…a riveder le stelle”- ha spiegato la Frison- alterna la musica e il canto, con autori che spaziano da Ennio Morricone a Battiato e De André fino a Ornella Vanoni e Negrita, alla lettura di testi, tra i quali anche le testimonianze dei Vigili del fuoco che parteciparono alle operazioni di soccorso dell’11 settembre, per evocare momenti bui e densi di tribolazioni ai quali, però, ogni volta è seguita una rinascita che ha reso possibile, appunto, riveder le stelle. Il medley finale - ha specificato -opera di Ologramma, si intitola “Se la vita non ha sogni, io li ho e te li do” e mette l’accento proprio sull’alternanza tra difficoltà e gioie, sugli insuccessi che sono diventati successi. Ma la serata di sabato sarà anche l'occasione per il "primo ciak" di un docufilm nel quale il gruppo modenese sarà protagonista per la regia di Francesco Zarzana con l'attrice Marcella Granito. L'intento del regista è di portare poi il docufilm in concorsi internazionali per far conoscere la realtà modenese.

«Ho accettato questa proposta con grande gioia- ha dichiarato Zarzana- perché conosco il gruppo e la sua direttrice e credo profondamente nel suo altissimo valore. Questa produzione, oltre alla protagonista Marcella Granito, scelta per la sua nota sensibilità al tema dell'inclusione sociale, vanta un cast di attori italiani di eccezzione che a novembre sveleremo, ma soprattutto si compone di uno staff di maestranze interamente modenese per valorizzare sempre di più le professionalità del mondo dello spettacolo di cui è ricco il nostro territorio».

«L’esperienza di inclusione rappresentata da Ologramma - ha sottolineato sempre Frison-è già stata raccontata nel libro “Ologramma. Le parole della musica”, edito da Erickson uscito proprio quest'anno di cui andiamo molto fieri». «Per noi è un sogno che si realizza - ha concluso Gianni Ricci, genitore di un ragazzo del gruppo attivo nell'associazione- per i nostri ragazzi suonare nel contesto magico dell'Accademia è un onore che li lusinga e li motiva ancora di più . Di questo dobbiamo ringraziare l'amministrazione comunale che ci ha sempre sostenuto e tutti gli sponsor che continuano a finanziari e a credere in noi»B.


L'evento è a ingresso gratuito su prenotazione. iglietti su www.vivaticket.com/it/biglietto/a-riveder-le-stelle. Green pass richiesto all’ingresso.