Contenuto riservato agli abbonati

Modena. Teatro Michelangelo: si torna in scena dopo mille giorni di silenzio

Pronto il programma del teatro modenese con il meglio della commedia italiana. Gavioli: «Crediamo nel veloce ritorno alla piena capienza»

MODENA Dopo quasi mille giorni di chiusura riapre il Teatro Michelangelo di Modena. L'ultimo spettacolo si era tenuto nel febbraio 2019 e, dopo tanta attesa, finalmente si vede la fine del tunnel per un ritorno alla normalità. In questi anni di pandemia sono molti i teatri che hanno chiuso definitivamente come tante le compagnie che si sono sciolte, lasciando attori e tecnici senza lavoro.

"Noi siamo pronti a riaprire al nostro pubblico, quello che ci ha aspettato con fedeltà e affetto in attesa di recuperare gli spettacoli sospesi", ha sottolineato il direttore Berto Gavioli nel corso della presentazione della nuova stagione che si è svolta, ieri mattina, nella sala di via Giardini. Pietro Longhi, Gaia De Laurentis, Maurizio Micheli, Nicola Pistoia, Pino Insegno, Gabriele Pignotta, Paolo Triestino, Kaspar Capparoni, Veronica Pivetti, sono solo alcuni dei grandi nomi del teatro che arriveranno al Michelangelo nel corso dei dodici appuntamenti di prosa. Ma vi saranno anche comici, musical, concerti, cabaret, balletto, teatro per famiglie e tanto altro. Con le normi vigenti al momento la sala del Michelangelo potrà ospitare solamente 240 spettatori. Le restrizioni anti covid impediscono a tutti i teatri di accogliere un numero maggiore di persone. Molti si augurano che questa sia la stagione della speranza". 

«Noi non vogliamo solo sperare, noi vogliamo crederci – ha detto ancora Gavioli – In Italia ci stiamo credendo tutti anche se aspettiamo con ansia le nuove decisioni del governo sulla capienza che, per i teatri dovrebbe tornare alla normalità. Al 95% recupereremo gli spettacoli di prosa non andati in scena nel periodo di chiusura, anche se qualcuno è stato sostituito perché le compagnie non esistono più, si sono sciolte. Noi vogliamo mantenere alta la qualità della proposta perché ci rivolgiamo ad un pubblico che è abituato ad avere spettacoli importanti». Sono previste anche nuove collaborazioni per un Michelangelo sempre pronto a dare spazio a qualsiasi forma artistica.

«Una collaborazione eccellente - ha concluso il direttore del teatro - è quella che abbiamo instaurato con l'associazione Amici del Jazz di Modena che prevede l'esibizione di due artisti internazionali. Altra novità la presenza dell’associazione Avanzi di Balera, che con una band di tutto rispetto si esibirà con un concerto inedito. Ci tendo ad evidenziare queste collaborazioni perché saranno la linea predominante nel futuro. Da ricordare l'ormai consolidata collaborazione con Fanta Teatro che porterà tutte le sue produzioni per tutta la famiglia. Ad aprire la stagione, il 25 settembre, alle 21, proprio il primo appuntamento proposto dagli Amici del Jazz di Modena.

Sul palco il percussionista indiano Trilok Gurtu che fonde la tecnica occidentale e indiana per sviluppare uno stile e un suono inconfondibili che, da metà anni ‘90, lo rendono dominatore delle classifiche di popolarità tra i percussionisti. La stagione di prosa invece sarà aperta dallo spettacolo “Diamoci del tu” (dal 26 al 28 ottobre) con Pietro Longhi e Gaia De Laurentis, una coppia molto amata dagli amanti del teatro. Grande attesa per Gabriele Pignotta che ritorna al Michelangelo, dal 2 al 4 novembre, con lo spettacolo “Toilet”. Un uomo entra in un autogrill poco frequentato, va in bagno, sta per uscire ma la porta non si apre. Si ride molto, ma si riflette.

“Miracoli metropolitani” è invece lo spettacolo della compagnia Carrozzerie Orfeo in calendario dal 9 all'11 novembre. Altra coppia da “tutto esaurito” è quella formata da Maurizio Micheli e Debora Caprioglio che proporranno ”Amore mio aiutami” dal 16 al 18 novembre. Il trio formato da Nicola Pistoia, Max Pisu e Gianni Ferreri delizierà il pubblico con “Casalinghi disperati” il 30 novembre e il 1 e 2 dicembre. Penultimo appuntamento di dicembre (dal 14 al 16) con Pino Insegno e Alessia Navarro con “Imparare ad amarsi. Il 2021 si chiuderà con “L'uomo, la bestia e la virtù” con Giorgio Colangeli, Vincenzo De Michele, Valentina Perrella. Altri quattro spettacoli di prosa nel 2022. La biglietteria è aperta dalle 10 alle 12 e dalle 18 alle 20.