Contenuto riservato agli abbonati

Giugno Ravarinese il mitico Al Bano stasera in concerto

Live con il meglio del repertorio

Ravarino Il giugno ravarinese entra nel vivo. Oggi alle 21,30 l’attesissimo concerto di Al Bano al campo sportivo, in via Maestra 179 (ingresso libero su prenotazione al numero 339 370 6558, Bianca). Il celebre artista, alla vigilia degli ottant’anni, al giro di boa dei 55 di carriera dal primo grande successo con «Nel sole», è ai nastri di partenza con un nuovo tour, nazionale e internazionale, accompagnato da Alterisio Paoletti (pianoforte e tastiere), Adriano Pratesi (chitarra), Giulio Boniello (basso), Maurizio Dei Lazzaretti (batteria), Tiziana Giannelli (violino) e dalle coriste Alessandra Puglisi e Luana Heredia I tempi del suo esordio con il Clan Celentano sono lontani – erano i primi anni ’60 – eppure continuano a lasciare tracce che in qualche modo ci sono contemporanee. A certi fan sembra ancora di vederlo all’indomani della firma del primo importante contratto con la EMI, e, subito dopo, sul palco della tournée italiana dei Rolling Stones. Ci sono tre generazioni di pubblico – adorante – nei suoi 26 dischi d’oro e 8 di platino. Cantala ancora al Bano. E lui, sorriso smagliante e panama d’ordinanza in capo, la canta: canzoni come «Sharazan», «Felicità», «Nostaglia canaglia», «È la mia vita», saranno di nuovo, fra le altre, i suoi cavalli di battaglia, anche sul palco di Ravarino. Star internazionale, ha ricevuto premi e riconoscimenti in diverse parti del globo, in Giappone come in Germania, è riuscito a piazzare contemporaneamente quattro canzoni nella hit parade ed è stato un grande mattatore di Sanremo, (ci è stato sedici volte), vincendolo, nell’84 in coppia con Romina Power. Un uomo che saputo scendere da palcoscenico per mettersi alla macchina da presa, documentando prima le sue tournée, poi facendo un omaggio – in forma di film – di successo, a suo padre e a sua madre. Ha radici genuine– è anche un imprenditore della sua terra– che ha collaborato con star del calibro di Paco de Lucia e Montserrat Caballè. Ha duettato con Placido Domingo e Josè Carreras, condotto trasmissioni televisive, scritto libri, interpretato film. Si è esibito di fronte a Giovanni Paolo II, Madre Teresa di Calcutta e Padre Pio. Al Palazzo di Vetro dell’Onu è diventato ambasciatore contro la droga. Coach” nel programma tv “The Voice”, in “Featuring” con Fabio Rovazzi, ha tenuto concerti anche in Cina, Corea Del Sud e pure al Cremlino.

È stato protagonista – e vittima – del gossip, e di recente anche al centro di un caso mediatico in conseguenza di una lite burrascosa, in diretta, fra Vittorio Sgarbi e Giampiero Mughini. In ogni caso, ha un cuore grande così. Durante la pandemia non ha dimenticato il suo pubblico e appena gli è stato possibile ha cantato per i medici, gli operatori sanitari e i degenti all’esterno del Policlinico di Bari. l


Cristiana Minelli